10 falsi miti sui gigolò [NON FARTI FREGARE DAI SOLITI LUOGHI COMUNI]


I falsi miti sui gigolo

Falsi miti sui gigolò: un argomento di cui potrei parlare giorno e notte, notte e giorno, fino alla fine dei tempi.

Questo degli accompagnatori per il gentil sesso è un mondo in crescita ma ancora oscuro, odiato da alcuni, amato da altri, capito da quasi nessuno.

In queste condizioni è inevitabile che i tabù sui gigolò e le credenze completamente fantasiose sono all’ordine del giorno, con gente che gareggia a chi la spara più grossa!

Ipotizza con me:

È una bella giornata estiva e sei fuori nel parco a fare una passeggiata rilassante col tuo caro amico a quattro zampe…

Il vento sta sussurrando dolcemente, e in mezzo al laghetto le anatre stanno danzando sulle onde…

Ormai anche tu stai passeggiando poeticamente: hai assorbito tutta l’atmosfera, non c‘era verso di resistere…

Noti la zona recintata per gli animali di compagnia e apri la porta a Pluto per farlo correre felicemente senza guinzaglio…

Quindi ti siedi sulla modesta panchina; liberando la tua mente, inizi a contemplare l’universo…
Un attimo dopo arriva un’altra persona allegra e ansiosa di scatenare il suo Pluto 2!

Ti chiede se può far entrare anche lui, rompendo il ghiaccio con te…

Iniziate a socializzare, e ti racconta che è un panettiere…

La tua reazione: “ah, ok!”

Passa un altro momento e una terza persona si avvicina per gli stessi motivi…

C’è troppa amichevolezza in aria: non ti astieni dal chiedere anche a quest’ultimo che lavoro fa…

Ti risponde: “guarda, io sono un gigolò.”

E tu:

Quale sarebbe stata la tua reazione?

Agghiacciante? Imbarazzo? Meraviglia? Curiosità? Lussuria? o forse… disgusto?!?!

A prescindere dalla risposta, sicuramente non un banale “ah, ok!”

Fatto sta che ad eccezione dei gigolo stessi (ovvio), nessuna persona ha pensieri neutri.

Il gigolò non è visto come “normale”.

❯❯ E questa è la radice di tutti i falsi miti sui gigolò, vecchi o nuovi, popolari o non, scandalosi o innocui.

Se sei mai stata curiosa di contattare un gigolò ma non lo hai fatto perché temevi qualcosa, è facile sia stato uno dei consueti (ma errati) luoghi comuni sui gigolò.

Non sarebbe bello sfatare finalmente le favole e capire come stanno veramente le cose?

Tra due letterali righe andiamo a obliterare tutte le convinzioni sbagliate sui gigolò italiani.

Vediamo un po’ quelli più gettonati, e quante once di verità contengono…

FALSI MITI SUI GIGOLO #1: i gigolo sono “solo per uomini”

I gigolo sono solo per uomini

Ah, sì.

Se avessi un centesimo per tutte le volte che mi è stato detto:

“solo gli uomini chiamano accompagnatori!!!!!!!”

(si, con tanto di punti esclamativi epilettici)

– oppure –

“le Donne non pagherebbero MAI per alcun servizio di compagnia”

A quest’oggi passerei ogni nanosecondo sdraiato alle Maldive fumando sigari fatti di carte da 500 euro arrotolate!

Senza dubbio è una [falsa] credenza estremamente diffusa, perpetuata dal fatto che le esponenti del gentil sesso comunque preferiscono non parlarne, anche se hanno goduto della compagnia magnifica di un gigolo serio.

Ma il comportamento delle signore lo capisco e lo sostegno, ognuno deve fare gli affari suoi.

Il mondo in generale non ha bisogno di sapere cos’ha fatto una persona nel suo prezioso tempo libero, men che meno nei suoi momenti più intimi e privati…

IL FATTO È QUESTO ☝️

Il fatto è questo

Mai come adesso le signore (e signorine) italiane moderne, libere ed indipendenti si sono avvalse dei servizi degli escort veramente professionisti: capiscono il valore di un’esperienza intima davvero strepitosa, specie se fatta SU MISURA PER LORO.

Possono godersi emozioni paradisiache in sicurezza e senza preoccupazioni, poiché il giorno dopo non devono più nulla al gigolò.

È un rapporto umano 100% diretto e ben definito, senza complicazioni o impegni. E chiamando un gigolo, le nobildonne come te non devono nemmeno prendersi la briga di sedurre un uomo da zero.

Convenienza assoluta…

Invece perché vogliono farti credere tutti che una Donna non ha motivi per contattare un gigolò?

Il classico aneddoto va cosi (raccontato rigorosamente con le parole più povere possibili):

Il maschio è una creatura semplice… vede una femmina mezza carina, le salta addosso.

Perciò, se una femmina si tira insieme, basta che entra in un bar e sorride in giro per essere assaltata in men che non si dica!

Non ha bisogno di alzare un dito per un uomo, men che meno pagarlo!


Per amor del cielo, io non voglio contestare la facilità di sedurre.

In tutta franchezza, mi sembra più che normale che una con attributi positivi attragga attenzione e desiderio.

Perché no alla fine? Nessuno vuole un partner poco interessante.

Viceversa, giustamente le femmine sono poco intrigate da maschi che non hanno molto da offrire.

Stessa cosa vale in natura per tutti gli esseri viventi…

Però – e questo è un GRANDE però – le Donne “tirate insieme” (= signore intelligenti ed educate) non sono proprio solite a partire alla ricerca di un uomo “rimorchiando” a caso nei bar (locali, club, ecc.).

Semplicemente non è un approccio auspicabile…

Portare a casa un uomo dopo una serie di drink che sfumano la realtà è da scimuniti, obbiettivamente.

Mentre…

❯❯ Puntare su un gigolò sofisticato è una garanzia per la soddisfazione, e si eliminano tutti i dubbi, rischi, e perdite di tempo inutili! E sì, ci sono molte gentildonne che cercano un gigolo.

FALSE STORIE SUI GIGOLO #2: c’è una “industria” 🏭

Industria dei gigolo

Non c’è.

L’universo dei gigolò è più frizzante che mai (per dirla in modo carino a questo giro), ma è sbagliato pensare che ci sia “un’industria”.

Non c’è un ecosistema di produttori (?), reti di distribuzione, negozi, venditori e chi più ne ha più ne metta…

Si, lo so, chi dice “industria” non pensa agli elementi che compongono quella dei cementi…

Però devi sapere che il mondo degli accompagnatori – in Italia almeno – è molto semplice.

Ci sono N gigolò (qualche migliaio, in aumento) che si propongono in maniera del tutto autonoma e comunicano direttamente con le clienti.

Ci sono alcuni portali di annunci, delle “vetrine” in rete, ma i gigolò NON lavorano per queste agenzie.

Le agenzie, davvero poche, si limitano a offrire agli escort un modo per essere (più) facilmente trovabili.

In aggiunta gli accompagnatori si possono presentare anche tramite un loro sito personale, fa da ulteriore biglietto da visita.

A proposito, io non ho un sito web dedicato a me, non sono profilato sui famosi portali di annunci né sui forum…

Ragione?

Il mio servizio consiste nell’offrire un’esperienza unica alle signore più raffinate

La chiamo LadyFocus e l’ho costruita con investimenti mastodontici…

E’ esclusiva e speciale, garantendo riservatezza totale.

❯❯ Per questo motivo non faccio pubblicità a me stesso, anche perché chi mi contatta non vuole banalmente un uomo, vuole un’esperienza divina. E’ diverso.

E l’esperienza definitiva non è quella che nasce quando uno non fa altro che elogiare se stesso in rete e insistere di essere “il migliore” …

Invece è quella che obbiettivamente va oltre le aspettative delle gentildonne, e hanno dato loro il verdetto positivo perché sono state colpite!

MENZOGNE SUI GIGOLO #3: i gigolò lavorano per agenzie

i gigolo lavorano per agenzie

Falsissimo anche questo (l’ho già anticipato, ma voglio accertarmi che dissipo tutti i dubbi e uccido tutti i miti sbagliati sui gigolò senza pietà).

ATTENZIONE

In nessun caso un gigolò può lavorare per un’altra persona o azienda, sarebbe sfruttamento e quindi illegale.

Ciò detto, nel Belpaese non è ben definito l’inquadramento del mestiere…

Non ci sono norme precise…

Non è del tutto chiaro quante tasse si devono pagare e come (su questo ci torno)…

Tuttavia una cosa è più che certa: il gigolò deve essere a tutti gli effetti un libero professionista, è l’unica strada.

Non può essere dipendente, è impensabile lavorare per agenzie!

Le agenzie a loro volta sarebbero nei guai senza possibilità di nascondere il modus operandi perché si devono esporre su Internet!

E questo mi porta al quarto dei falsi miti sui gigolò…

CAVOLATE SUI GIGOLO #4: gigolo = prostituto

Gigolo = prostituto

L’elefante nella stanza…

Il quarto potrebbe essere il più difficile da difendere tra i più gettonati miti sugli accompagnatori per Donne.

Ovvio che ti sto per dire che un vero gigolò non è un prostituto

È anche ovvio che l’appuntamento tipico del gigolò finisce a letto.

Allora come faccio a dire che il gigolò VERO non pratica prostituzione?

Se mi permetti, la definizione di gigolò/accompagnatore/escort è chiara:

❯❯ In parole concisissime, è una persona che in cambio di un compenso offre compagnia umana ritagliando il suo tempo.

E non a caso integro che quello che succede tra gigolò e cliente sono attività consensuali decise da due adulti consenzienti sul momento.

Rullo di tamburi per il classico commento degli spiritosi:

Ahaha come no, è il tuo modo furbo per mascherare il fatto che vendi sesso. È prostituzione, diciamocelo!


No, la definizione e l’affermazione successiva sono accurate e scrivo queste parole con tutta la serietà del mondo.

QUALSIASI signora che mi ha mai contattato può confermare che:

• ha bisogno in primis di essere ascoltata, capita e soddisfatta a livello mentale con calore umano, dato che…
• il sesso da solo come puro atto fisico non ha valore, perché…
• se fosse interessata esclusivamente al sesso, ha modi facili per ottenerlo senza chiamare un gigolò!

Non a caso LadyFocus è descritta come “l’esperienza intima definitiva per signore raffinate”, senza un riferimento esplicito al sesso.

Bisogna mettere insieme molto di più per costruire una serata appagante in compagnia.

Riporto l’osservazione diretta che ho fatto nell’ebook LadyFocus:

L'esperienza intima definitiva è 90% emozioni

Se il sesso non ha valore, l’emozione non ha prezzo 🙂

Giusto per battere il chiodo fino in fondo, aggiungo che nemmeno la spiegazione di “intimità” include la parola sesso:

“essa si può definire come una condizione di particolare vicinanza, fisica e/o emotiva, fra due esseri umani.”

(fonte: Wikipedia)

Infine, adoro questa bellissima esplorazione sull’argomento da parte di La Repubblica:

“Spesso vengono confusi, usati indifferentemente. Ma sesso e intimità non sono uguali. L’intimità include cose diverse, in senso fisico, sessuale, mentale, emotivo, spirituale. E infatti esistono infinite forme di confidenza al di là del sesso.”

(fonte: repubblica.it)

FALSITA’ SUI GIGOLO #5: il gigolo è un esperto del sesso

Gigolo sessperto

La diretta conseguenza del mito precedente è che il gigolò reale e di altissima classe non è un esperto del sesso bensì dell’emozione umana.

Penso sia inutile ripetere perché… ahimè devo comunque mettermi la tuta d’amianto perché i gigolò comuni vogliono già darmi fuoco.

Anzi, dammi un attimo che vado a barricare tutte le porte almeno per finire di scrivere questo!

Fatto, eccomi tornato 😛

Questi pensano:

“Sono l’onnisciente sex trainer!

Dio del Letto è il mio nome!”

“Io sono più frenetico di un coniglio. Hai presente i film hard in cui vanno per mezz’ora o più? Principianti in confronto!”

Gigolò animalesco
Un annuncio online di un gigolo: è attuale.

Certo…

Ok, seriamente, ai cari colleghi che faticano a vedere il quadro completo:

La state vedendo in una luce leggermente sbagliata…

Di sicuro siete abili e incredibilmente competenti a usare la vostra dotazione.

Però lasciatemi sottolineare che l’elemento principale per far star bene la Donna è stimolare la sua mente.

Poi, se desiderato (!), dovrete servire anche il dulcis in fundo, che sarà di sicuro il vostro momento della verità, l’occasione per dimostrare cosa sapete fare meglio…

Ma deve essere un crescendo naturale e armonioso… dettato dai suoi desideri e stato d’animo

E concretizzato con ingredienti come dolcezza, tenerezza, e passione

Che devono essere ASSOLUTAMENTE REALI, quanto vi dico non è da interpretare come le usuali descrizioni falsamente poetiche sui siti di annunci…

Non bisogna ricreare il film a luci rosse più esagerato che avete mai visto.

Oltre a non rispecchiare la realtà, quello ha colpito VOI, non è la sua fantasia!

Intesi?

Stampatevi bene in mente che nessuna Donna ha mai approcciato un uomo (gigolò o non) chiedendogli di punto in bianco di fare sesso!

Non mi dilungo oltre perché francamente non avrei dovuto neanche aprire questo discorso; ribadisco, il vero gigolò non è fornitore di sesso fine a sé stesso.

FAVOLE SUI GIGOLO #6: per capire cosa sono e cosa fanno, guarda “American Gigolo”🤦

American Gigolo copertina
Mabbasta!

Oddio.

Devo proprio spiegare?

Ok, ci spendo due righe…

Fai una ricerca su Google per “gigolò” e buona parte delle immagini che saltano fuori sono di American Gigolò:

Ricerca immagini sui gigolo su Google

Non si può negare che il film si è diffuso a macchia d’olio ed è nei pensieri di chiunque quando si ode “gigolò”.

Ma se come opera cinematografica è criticata con complimenti che conti sulle dita di una mano (di un pesce), un motivo c’è.

Non entro nel merito del perché non convince a livello tecnico o artistico…

❯❯ Voglio dirti che lo metto sulla mia lista dei più eclatanti falsi miti sui gigolò perché banalmente non dipinge un escort realistico!

Nel film, Richard Gere è un uomo talmente incredibile che tutte quelle che incrociano lo sguardo con lui si sciolgono a prima vista e vogliono venerarlo.

Non c’è dubbio sul fatto che un accompagnatore fine deve essere di bell’aspetto, e attrare fisicamente… ma in pratica (e soprattutto nel mondo reale) è lui che deve venerare la squisita cliente.

O no?

Se provi curiosità per visionare qualcosa che ti intrattenga e sia sul tema… per carità, guarda American Gigolò.

Sappi solo che quello che stai vedendo è solo pura finzione uscita dal classico ricettario Hollywood.

LEGGENDE SUI GIGOLO #7: il gigolo non è educato 🐦

Il gigolo non è educato

Secondo questo mito, il gigolo non è altro che un perdente nullasapiente…

Un fallito che – siccome in aula era interessato solo a fare il buffone – non ha mai imparato a fare 1+1 e manco sa che lettera segue la A.

La leggenda metropolitana dice che da ragazzino, la sua giornata tipica consisteva nel:

– alzarsi e prepararsi per la scuola avendo cura di non toccare i cappelli, per imitare con successo Einstein

Einstein
“Profe, mi presento cosi perché sto seguendo i passi di un erudito!”

girovagare minimo un paio d’ore nel parco perché bello grande e logicamente da piccolo non è facile navigare nel mondo (“mamma, domani troverò la stazione del pullman al primo colpo, ne sono certo!”)

entrare in aula 3 ore dopo, capita anche agli studenti più bravi

– sedersi rigorosamente in ultima fila e lanciare a destra e manca bigliettini con scritto “frocio chi legge”

– tornare a casa e raccontare ai genitori che presto rivoluziona la scienza dei razzi, grazie al suo indiscutibile inteletto

– tutto il resto della giornata: chiudersi nella camera da letto e fingere di studiare come se non ci fosse un domani (traduzione: divorare l’ultimo numero di Playboy rubato dallo zio perverso)

Nome e cognome: Fannullone Burlone. I docenti lo chiamavano Prof. Bufala.

Cosi, il gigolo cresce e diventa un… pagliaccio.

Non sapendo nemmeno di essere al mondo, e becero all’ennesima potenza, fa la prima cosa che gli passa per la testa: scrive sui forum che s***a in cambio di dindini. E via.


Detto tutto questo, qualcosa di strano mi spinge a prendere in esame anche il mondo meno fittizio…

Premesso che “nu există pădure fără uscături” (antico proverbio di un’altra cultura – significa non esiste foresta senza alberi marci) …

❯❯ Posso dire con confidenza che un gigolò forbito è anche un gigolò intelligente e acculturato.

Per comodità voglio prendere come esempio me stesso dato che su questa pagina ho raccontato per bene come gli studi sono stati una parte saliente della mia vita.

Rettifico, saliente forse non rende bene l’idea: per due terzi della mia esistenza mi sono focalizzato come un raggio laser sulla scuola e la crescita personale…

Sapevo che a prescindere dal mio futuro o dalla mia eventuale carriera, SAPERE E’ POTERE.

Naturalmente, ad oggi faccio leva sulla mia vasta cultura per offrire compagnia che si può davvero definire di altissimo livello.

Now I won’t insert any diplomas or certificates here, but I am writing this paragraph in perfect English to show you my undeniable linguistic skills.

This has not been written by “Google Translate” because it cannot produce multiple paragraphs without misinterpreting the semantics. There would be at least an error or two 😉

In fact, I’ve been speaking English since I was 5 years old and it’s second nature to me.

Invito chiunque legge queste righe (anche persone che magari sono atterrate per sbaglio sulla pagina) a riflettere sui falsi miti dei gigolò con una mente (più) aperta…

Il vero gigolo non è un prostituto senza etica od educazione.

E’ un gentleman, una persona colta e di classe che ha semplicemente fatto una scelta diversa come mestiere.

Per essere riconosciuto escort per Donne deve incollarsi ai libri 6 e passa anni come i laureati in chirurgia? No, assolutamente…

Ma si deve ugualmente impegnare in modo tremendo per forgiare la sua strada…

Sotto certi punti di vista, anche di più…

  1. come visto prima, non ha la convenienza di poter farsi assumere da un datore di lavoro
  2. non ha la certezza di un reddito mensile
  3. sono vietate inserzioni esplicite sui “big” come Facebook, pertanto non può promuoversi con annunci tradizionali
  4. nella maggior parte dei casi, i suoi non lo capiscono, non lo sostengono e di certo non lo aiutano
  5. in Italia, lo stigma sociale è ancora esteso in maniera capillare
  6. per girare il coltello nella piaga, lo stato gli mette chiodi sull’asfalto e poi lo tartassa perché ha le ruote bucate

TUTTI QUESTI PUNTI NON SONO FALSI MITI SUI GIGOLO’.

I gigolò devono lottare con infinita dedizione e determinazione per essere rispettati, apprezzati e quindi richiesti.

CREDENZE FALSE SUI GIGOLO #8: un escort per Donne è un individuo pieno di quattrini (sempre e a prescindere) 💵

Gigolo ha tariffe da capogiro

Penso (o almeno spero) che questo sia immediato da comprendere.

A livello economico, il mercato dei gigolò non è diverso da altri mercati….

Che sia il mercato della frutta, delle app o dei viaggi nello spazio, vale sempre questa regola: la maggior parte dei “player” non guadagna abbastanza da poter ritenersi di successo.
(pssst: se sei interessata a scoprire il costo di LadyFocus vai alla pagina con le cifre in chiaro, anzi la cifra: totale trasparenza per te!)

Funziona in questo modo:

  • c’è un leader (il più rinomato, il più richiesto etc) che da solo si aggiudica buona parte della clientela, guadagna davvero tanto… e tipicamente si vanta anche

    Tipo questo.
  • uno o più co-leader che a loro volta sono rinomati, in confronto al leader non possono fare gli sbruffoni ma non si possono neanche lamentare
  • tutti i rimanenti… ehm, diciamo che hanno appena imboscato la strada della crescita, devono solo percorrerla.

(le 3 categorie non sono degli insiemi matematici perfettamente disgiunti, le cose sono leggermente sfumate)

Pure l’autore di questo pezzo è un gigolò… in quale categoria mi trovo io?

“Adesso arrivano le affermazioni improbabili e forzate”, starai pensando.

Esatto, ora inizio il paragrafo con cui tuono di essere il leader indiscusso perché lo dico io.

Senti…

Sono sempre stato affamato di cultura, conoscenze, saggezza.

Man mano che crescevo ed allargavo il mio orizzonte su tutto lo scibile umano, sin da piccolo mi accorgevo che c’è sempre molto di più da sapere.

Ancora dei gradini da fare per crescere.

Non c’è una fine: cosi ho capito l’importanza dell’essere MODESTO, perché pensare di essere sopra gli altri porta ad arroganza.

Fosse anche vero che uno è “magistrale” in confronto agli altri, non importa. Deve rimanere sempre umile, e lasciare la valutazione alle persone con cui ha a che fare.

Ma posso dire che LadyFocus è l’esperienza definitiva perché sinceramente è frutto di un impegno gargantuano, letteralmente anni e decine di migliaia di euro per progettare ed implementare il servizio.

Tutto questo è documentato in dettaglio qui sul sito…

Se sei una signora gentile ed educata, vieni a convincerti dal vivo 🙂

PENSIERI SBAGLIATI SUI GIGOLO #9: gli accompagnatori per Donne non vogliono pagare le tasse 👮

Gigolo non paga tasse

Sarò schietto: c’è chi non paga nulla, e non lo nascondo.

Ma prima di andare a impiccare brutalmente questi individui, facciamo un accorgimento…

Gigolo impiccato
Aspetta aspetta: c’è qualcosa da dire!

Non per difendere me o altri, ma tecnicamente non si possono pagare.

Il motivo è semplice: lo Stato ci etichetta come prostituti (avevi dubbi?).

Sebbene la prostituzione non sia per niente illegale… sorpresa, sorpresa, il Fisco non può accettare tasse da prostituti – sarebbe reato!

Adesso arriva l’ironia: il Fisco ha comunque fatto accertamenti sui conti correnti di diversi gigolò e li ha accusati che devono certe somme… e cosi questi hanno dei divertenti contenziosi legali con la cara Agenzia delle Entrate…

❯❯ Ora grido un messaggio in nome di tutti i gigolò onorevoli: non siamo degli scrocconi e non vogliamo esserlo.

Infatti alcuni di noi pagano comunque le tasse (abbiamo chiesto consulenza ad avvocati / commercialisti per trovare un modo), perché vogliamo contribuire ugualmente allo sviluppo del Belpaese.

Non è uno scherzo, alcuni colleghi hanno pure pubblicato dei video molto sinceri e seri in cui dimostrano di amare il paese, di voler vivere qui fino all’ultimo giorno e di far parte della società con tutti i diritti e gli obblighi di un cittadino comune.

FALSI MITI SUI GIGOLO #10: il vero gigolo è quello che ha l’auto [SPOILER: NO]

Il vero gigolo ha l'auto

Per questo mi sa che mi prendono, mi mettono in un tombino e mi fanno schiacciare da un treno merci.

In 3, 2, 1…

Cavoli non sta ancora arrivando nessuno, mi affretto a scrivere!

Scherzi a parte, tra i vari falsi miti sui gigolò questo è stato tristemente inventato proprio dagli accompagnatori stessi.

È stato scritto la prima volta sul sito personale di qualcuno negli anni 90 credo, e poi a macchia d’olio hanno copiato felicemente tanti altri…

Sono il primo ad ammettere che è cruciale avere un mezzo, sarebbe assurdo essere un gentiluomo nel XXI secolo senza un veicolo personale.

Però sono anche il primo ad accorgermi che le quattro ruote sono talmente diffuse… e che in alcuni Stati hanno ridotto l’età minima per la patente… che oggi come oggi probabilmente guida pure chi riesce malapena a vedere fuori dal parabrezza…

Bambino compra Mercedes
Spero per la sicurezza di tutti che in realtà è il figlio di chi l’ha comprata.

Conosciamo tutti quel adolescente semplice che pur guadagnando poco più di una paghetta al McDonald’s ha le chiavi della nuova classe A. Non bisogna essere un imprenditore per capirci (se invece tu sei un’imprenditrice leggi questa bella guida su come trovare un accompagnatore per te).

Non viviamo nel terzo mondo, e questo è FANTASTICO.

Alla luce di questo, direi che un affermato gigolò professionista deve ambire a spiccare con qualche cosa in più…

Allora a livello di “strumenti del mestiere”, cosa definisce il vero gigolò?

È che la Mercedes deve essere il modello cabrio SL da €100.000 come ce l’aveva Richard Gere.

American GIgolo Mercedes SL anni 80
Per questa non bastavano nemmeno 3 lavori nel fast food.

Non c’è una regola scritta in pietra.

Mi permetto però di dire che se proprio vogliamo parlare di possessioni, dobbiamo alzare l’asticella e offrire sempre di più alle signore distinte che richiedono i nostri servizi perché meritano davvero esperienze indimenticabili!

Prendiamo come base l’auto (che sì, deve essere da signore altrimenti non sarebbe adeguata) e aggiungiamo ulteriori elementi!

Darò solo un esempio… personalmente ho creato “Le Bureau”, una location esclusiva ed elegante allestita di proposito per ricevere e regalare esperienze LadyFocus cucite su misura (serve anche per evitare rischiosi AirBnb o alberghi casuali -> ecco uno dei tanti pericoli).

Ricordi quando accennavo investimenti importanti prima?

Questa è – a mio umile parere – la mentalità corretta.

Non è facile né “conveniente” per l’escort andare in questa direzione, ma bisogna sempre porsi la domanda “cosa posso fare per migliorare e arricchire ulteriormente?”

In ogni istante, ci sono ancora dei gradini da fare per crescere… 🙂

Scopri di più sull’esperienza definitiva per signore raffinate >>>

Firma Adonis ultra high class breve


PS: se lo hai amato, rimani in sintonia per leggere articoli utili e interessanti man mano che escono sul blog di LadyFocus seguendo Facebook o Twitter!

CONDIVIDI SU:

"Adonis ultra high class" è il primo e unico accompagnatore di fascia altissima in Italia nonché ideatore di LadyFocus, un servizio esclusivo di compagnia per signore distinte.
Offre esperienze CUCITE SU MISURA ed è noto per non fermarsi a nulla nel soddisfare i sogni delle clienti.

Lascia un commento

I dati non vengono salvati. Nome e email opzionali. Privacy inviolabile.